VENETO CUP: DUE GIORNATE CON IL TEAM MACRO. TEAM CORRATEC KEIT PROTAGONISTA Il Team Corratech Keit vince nel Team Relay, Michele Casagrande e Serena Calvetti “doppiano” nella Misquil Bike XCo, a Meduna i Kids

331E’ stato un fine settimana ricco e intenso, come da previsioni quello della Veneto Cup & Kids.

Primo appuntamento sabato con il Team Macro, per il Rock Drop Bike Park Team Relay. Si è dimostrata una scelta azzeccata, questa di inserire la staffetta nel panorama gare Veneto Cup rendendolo più interessante. Un meteo parzialmente clemente, ha consentito nonostante le previsioni di disputare regolarmente le prove.

La prima gara, dedicata ad agonisti e master ha visto già dalla frazione iniziale l’allungo deciso di Michele Casgrande per il Team Corratec Keit. Michele ha preso un vantaggio netto che il team ha aumentato fino all’arrivo. Niente di scontato però nella lotta per il podio. Due squadre giovani e determinate, Cube Crazy Victoria Bike e Team Rudy Project Pedali di Marca si sono scambiate il ruolo di immediato inseguitore nel gioco dei cambi, in una gara agonisticamente interessante. I due ultimi frazionisti cambiano a pochissimi secondi l’uno dall’altro, partono con il coltello tra i denti ed è Simone Segat x Cube Crazy Victoria Bike a cogliere il secondo gradino del podio, davanti ad Alberto Lenzi. Tra i Master gara di testa per il Team Ottavio Bottecchia 2, che precede Bettini Bike Team e la propria ulteriore staffetta.

Molto simile l’andamento della gara giovanile: Federico Ceolin lancia forte il Team Velociraptors, i compagni reggono, anzi, aumentano il vantaggio e la vittoria sarà loro, con grande distacco. Anche qui la lotta, interessante è per il podio. Se lo disputano il Pedale Feltrino TBH e i più giovani del Team Corratec Keit. Arriveranno in questo ordine dopo un confronto appassionante.

Questa la stringata cronaca di gara, che va però un po’ oltre: alcune società hanno contribuito alla riuscita ed all’interesse dei confronti in maniera particolare, credendoci e schierando più formazioni, quasi ugualmente agguerrite. Cube Crazy Victoria Bike e Team Rudy Project Pedali di Marca hanno messo in campo ognuna due team, che hanno tutte animato la prova agonisti. Team Ottavio Bottecchia presente in due formazioni con i propri master. Il Pedale Feltrino TBH ha messo in campo ben tre squadre giovanili, come il Bettini Bike Team con due team giovani ed uno master.

Sole a Mussolente stamattina, dopo il grigio le nuvole e la pioggia finale di ieri, per l’edizione numero 29 della Misquil Bike. Gara dura, caratterizzata da tratti come dalle attese di vigilia abbondantemente fangosi e dislivelli accentuati senza ragionevolmente insistere nelle difficoltà tecniche, scelta di buon senso, single track nella suggestiva zona delle trincee di guerra e successiva discesa che hanno “tenuto” bene consentendo con una maggiore scorrevolezza un minimo di recupero.

Michele Casagrande, come il giorno prima, allunga subito con decisione, seguito a rispettosa distanza dal compagno di squadra Domenico Valerio. Giro su giro i distacchi si fanno notevoli, ma non c’è mai dubbio sull’affermazione di Michele, netta. Il terzo gradino del podio è di Andrea Dei Tos. E’ un fine settimana di successo per la squadra Corratec Keit, con Serena Calvetti che domina la prova femminile, davanti a Jessica Pellizzaro che arriva appaiata alla compagna junior Team Rudy Project Pedali di Marca Marika Tovo. Per Marika questa è una stagione di conferma a gran livello e prossimo appuntamento in maglia azzurra in Coppa del Mondo ad Albstadt.

Si aggiunge meritatamente all’elenco dei successi di squadra Eddy Zordan, miglior Under23 e 5° assoluto.

Tra gli Juniores ancora successo per Nicola Taffarel ottimo primo frazionista di ieri.

Grande attesa tra i master per i due campioni italiani uno assolutamente di casa e l’altro … quasi. Ivan Zulian detta il passo con autorità tra i MasterElìte, e si aggiudica il memorial Maurizio Scandiuzzi. Fabio Zampese che è proprio l’enfant du pays, fa sua la M1 con autorità. E’ un assolo anche quello di Pietro Lunardi nella M2, simile alla prova di Nicola Terrin che fa sua la M3 e Antonio Tasca nella M4. Più battagliata la M5, vinta da Gabriele Fabbris mentre Maurizio Borsato fa sua la M6 e Romina Ciprian è la miglior Masterwoman.

Secondo start per le giovanili. Federico Ceolin come tra i “grandi” Casagrande, mette una marcia in più di tutti. Ramon Vantaggiato, suo compagno di squadra Velociraptors lo segue con un ottimo passo. Sono Allievi 2° anno e si classificheranno in quest’rine, il podio completato da Aron Rojas. Alle loro spalle un duo del primo anno, Simone Pederiva e Loris Mazzucco, anche loro compagni di squadra che si scambiano ed incitano a vicenda. Arriveranno insieme, primo e second in quest’ordine, più staccato Nicolò Cosolaro. Tra i primissimi in gara, vincente di categoria con autorità anche il miglior Esordiente 2, Gianni Vazzola davanti ai pur ottimi Alessandro Zanette ed Emanuele Meneghin. Tra gli Eso1 è lotta serrata. Solo pochi secondi divideranno all’arrivo i primi tre: nell’ordine Riccardo Pivato, Stefano Covassin, Nicolò Matteo Tinelli.

Nette affermazioni tra le ragazze per Gaia Pagotto tra le allieve, Camilla Cassol tra le esordienti.

Una giornata graziata dal meteo anche a Meduna di Livenza. Correvano i Kids, le categorie giovanissimi che hanno disputato una brillante prova sul percorso tra il centro e l’argine della Livenza con spunti tecnici di discreto livello.

Una settimana e saremo ancora in provincia di Vicenza: a Santorso si correrà l’XC del Santo, Trofeo Corratec, Campionato Regionale Veneto XCo, Veneto Cup e King of The Valleys.

FacebookTwitterGoogle+