BENE AL GRAN PREMIO DELLA LIBERAZIONE PINK LETIZIA PATERNOSTER CHE ALLA SUA PRIMA ESPERIENZA AL FIANCO DELLE PROFESSIONISTE SI E’ CLASSIFICATA QUARTA

BENE AL GRAN PREMIO DELLA LIBERAZIONE PINK LETIZIA PATERNOSTER CHE ALLA SUA PRIMA ESPERIENZA AL FIANCO DELLE PROFESSIONISTE SI E’ CLASSIFICATA QUARTA

Padova – E’ stata un’esperienza più che positiva quella fatta dalle sei atlete della rappresentativa veneta domenica a Roma in occasione del prestigioso Gran Premio della Liberazione Pink. Un evento che, a prescindere dal piazzamento di ciascuna ragazza, ha dato la possibilità alle giovani dirette da Claudio Turato, con la collaborazione di Stefano Franco e Anna Faoro, di fare esperienza e di confrontarsi con molte rappresentanti della categoria superiore. Da segnalare il quarto piazzamento centrato da Letizia Paternoster che, nonostante la concorrenza spietata delle quotatissime avversarie, ha dimostrato di riuscire sempre a dire la sua anche quando le condizioni non sono ottimali.
“Sono contentissima della mia prima esperienza tra le professioniste e per aver concluso questa gara con un quarto posto al Gran Premio della Liberazione – ha postato su Facebook Letizia Paternoster che è campionessa del mondo della corsa a punti, dell’inseguimento a squadre ed europea della corsa a punti, dello scratch e dell’inseguimento a squadre – dietro a grandissime avversarie. Ringrazio il Comitato Veneto, il mio allenatore Stefano e tutte le mie compagne di avventura. Ora speriamo di continuare a crescere e di raggiungere altri obiettivi”.
“Peccato per la fuga delle tre atlete perché c’era l’opportunità di vincere – ha rilevato dal canto suo Mario Penariol, coordinatore della Commissione Tecnica della Fci del Veneto – . Ma va bene ugualmente. Come inizio non è male prima o poi la fortuna girerà dalla nostra parte”.
La rappresentativa veneta, che ha ricevuto i ringraziamenti del presidente della Federciclismo del Veneto, Igino Michieletto, oltre che da Letizia Paternoster (Vecchia Fontana) era composta da Giorgia Fattori (id), Rachele Guida (Gauss Team), Giovanna Michieletto (Four Es Racing Team), Valentina Mariotto (Team Wilier Breganze) e Laura Tomasi (id).
A conquistare il Gran Premio della Liberazione Pink, come è noto, è stata per il secondo anno consecutivo la beniamina di casa Marta Bastianelli della Alè Cipollini.
Francesco Coppola

FacebookTwitterGoogle+