A Treviso nuovi Direttori di corsa regionali/Internazionali e giudici di gara

TREVISO. Da qualche tempo, nella Marca, è in atto un ricambio. Lo si era notato a livello dirigenziale, ora sta prendendo corpo nell’ambito dei direttori di corsa e dei giudici. L’ultimo weekend, in tal senso, è stato prolifico, nonché esemplare da questo punto di vista: l’età media dei promossi è attorno ai 30-35 anni. La nostra provincia ha visto aggiungersi tre direttori di corsa internazionali, cui s’affiancano, a livello regionale, due nuovi giudici e altrettanti nuovi direttori di corsa. Potranno essere impiegati in competizioni Continental e nelle internazionali Under 23 (come Piva e Belvedere) i neoesaminati Gianluca Negro (presidente della Ottavio Zuliani), Gianluca Sartori (Pedale Opitergino) e Matteo Ottavian (Vc Sanvendemiano). Sono direttori di corsa, ma di grado inferiore, pure Nicolò Valentini (Dopla) e Giorgio Furlan (presidente Pedale Opitergino). A livello di giudici, le new entry trevigiane rispondono ai nomi di Fabio Roman e Francesco Zussa, figlio di Lillo, anima dell’Orsago.

«Ci sono pure presidenti di società», osserva Giorgio Dal Bò, numero uno Federciclo Treviso e direttore di corsa. «Al di là

del ruolo, che ora potranno ricoprire, l’iscrizione ai corsi testimonia la volontà dei nostri dirigenti d’informarsi, tenersi al passo, capire come funziona il ciclismo». Senza scordare tematiche come la sicurezza, materia che deve essere sempre al centro dell’attenzione. (m.t.)

FacebookTwitterGoogle+