Fattura elettronica e associazioni sportive: l’esenzione che non semplifica. Pubblicazione del dott. Enrico Savio

Fattura elettronica e associazioni sportive: l’esenzione che non semplifica

A decorrere dal primo gennaio 2019 è scattato l’obbligo della fatturazione elettronica per i soggetti titolari di partita Iva. Salvo specifiche esclusioni previste dalla legge, le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato Italiano devono essere certificate tramite l’emissione di fatture in formato elettronico (.xml) trasmesse e ricevute attraverso il Sistema di Interscambio (c.d. SDI) messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Nel medesimo formato dovranno essere prodotte e trasmette anche le relative note di variazione. Entrambe le tipologie di documento dovranno essere conservate in formato elettronico essendo venuto meno il valore fiscale della stampa cartacea. Nelle transazioni con i privati (consumatori finali), congiuntamente all’emissione del documento in formato elettronico, dovrà essere consegnata loro una copia della fattura elettronica ovvero in formato analogico (c.d. copia di cortesia), salvo espressa rinuncia.

Con il presente contributo, si intende affrontare il rapporto tra associazioni e società sportive dilettantistiche con tale nuovo adempimento…..  continua la lettura su:  https://www.fciveneto.it/fattura-elettronica-e-associazioni-sportive-lesenzione-che-non-semplifica/

FacebookTwitterGoogle+